NOTIZIE > approfondimenti_francescani

Francesco e il Natale - Visto da Lui

di Felice Accrocca
Francesco e il Natale - Visto da Lui



Il Natale di Greccio del 1223 è una delle pagine più suggestive e famose dell'epopea francescana, anche se non priva di grossi fraintendimenti. Meno conosciuta, invece, è un'altra pagina di storia, non meno bella, anche questa accaduta a Greccio nel Natale di un anno imprecisato. In quel giorno un ministro era venuto a trovare Francesco per celebrare la festa insieme con lui. I frati del luogo prepararono allora la mensa con grande cura, con belle tovaglie bianche e bicchieri di vetro. Un lusso, certo, per gente che per vocazione aveva quella di vivere come i poveri, che a malapena anche in quel giorno avevano di che mangiare. Vedendo quella scena, Francesco uscì senza farsi notare e, preso il cappello e il bastone di un mendicante di passaggio, andò fuori dal romitorio. I frati intanto si posero a tavola, perch Francesco stesso aveva dato l'ordine di non aspettarlo quando tardava a recarsi a mensa. Egli allora bussò alla porta, quindi entrò come un pellegrino e giunto nella stanza dove i frati mangiavano chiese l'elemosina per amore di Dio. Tutti lo riconobbero immediatamente. Il ministro allora rispose: “Fratello, siamo poveri anche noi, ed essendo numerosi, le elemosine che stiamo consumando ci sono necessarie. Ma per amore del Signore, che hai invocato, entra e divideremo con te le elemosine che Dio ci ha dato”. Francesco si accostò alla tavola e il ministro gli diede la scodella, da cui stava prendendo cibo, con del pane. Egli, allora, prese l'una e l'altro andò a sedersi in terra vicino al fuoco, mentre i frati stavano a mensa in alto. Disse poi sospirando: “Quando vidi questa tavola preparata con tanto lusso e ricercatezza, ho pensato che non era la mensa dei poveri frati, i quali vanno ogni giorno a questuare di porta in porta. A gente come noi si conviene seguire in ogni cosa l'esempio di umiltà e povertà del Figlio di Dio più che agli altri religiosi: poich a questo siamo stati chiamati e a questo ci siamo impegnati davanti a Dio e davanti agli uomini. Adesso sì mi sembra di sedere a mensa come un frate”. I frati capirono la lezione e alcuni cominciarono a piangere forte, nel vederlo lì in terra e meditando sul modo come li aveva corretti. Quei poveretti erano convinti, come tanti di noi, che per rendere bella la festa bisognasse sparare tutte le cartucce a disposizione, fi no a riappropriarsi di falsi valori che avevano abbandonato nel momento in cui avevano deciso di seguire il Signore. Per questo Francesco li corresse con decisione, ricorrendo non a minacce e discorsi, ma a un gesto eloquente. Per dar senso alla festa, infatti, non occorre spendere e spandere fi no a stordirsi, perch la festa deve aiutarci a ritrovare il senso profondo della vita quotidiana, non ad evadere da essa. E che senso avrebbe un Natale vissuto dai cristiani, ma in maniera pagana? Meditare su quanto accadde a Greccio in quel giorno potrebbe aiutarci a ritrovare il senso vero della festa.


Felice Accrocca
Arcivescovo Benevento

Commenti dei lettori



NON CI SONO COMMENTI PER QUESTO ARTICOLO

Lascia tu il primo commento

Lascia il tuo commento

Nome (richiesto):
Email (richiesta, non verrà mostrata ai visitatori):
Il tuo commento(Max. 300 caratteri):
Organo ufficiale di Stampa della Basilica di San Francesco d'Assisi
Custodia Generale Sacro Convento
© 2014 - tutti i diritti riservati
Contatti | Credits